Notizie dal WEB    
HomeChi SiamoI CorsiI Nostri ClientiCertificazioni InformaticheSERVIZI
Condividi
Joboot
I Servizi
 Corsi d'Informatica
 Corsi di Inglese
 Affitto Aule
 Creazione Siti
 Ideazione CD Rom
 Help Desk
 Installazione Reti
 Manutenzione
 Software Support
 Backup Aziendali

 

 


In arrivo Http3: Cosa significa e cosa comporta.


Il protocollo Hypertext Transfer Protocol si trasforma in nuovo standard per il web.

Il cosiddetto “Hypertext Transfer Protocol”, abbreviato in http, è un protocollo, un sistema che serve a far muovere, trasmettere, le informazioni sul web tra client-server. Nella pratica è l’infrastruttura che permette di inviare dati ad un server che “contiene” il sito web, e indirizzarli al browser client dell’utente finale che vuole accedere alla pagina scelta.
 
La versione precedente, la http/2 era stata rilasciata nel maggio del 2015, mentre la versione 1.1 è stata in vigore dal 1997 fino all’arrivo del seguente aggiornamento. Recentemente invece ci sono stati aggiornamenti allo standard https, versione che utilizza un più elevato livello di crittografia
Ryan Hamilton, ingegnere informatico per Google, dichiara che lo standard Http/3 “dovrebbe rendere il web migliore per tutti”.
 
Ma come mai tanto entusiasmo? Quali saranno le novità apportate?
 
Il protocollo Http/3 non lavorerà più con il Tcp, transmission control protocol, ma con il protocollo Quic, cioè il Quick UDP internet connession (che già Facebook e Google utilizzano).
Il nuovo http/3 utilizza inoltre il Tls, supporto transport layer security per ciò che concerne la crittografia.
 
Ma tornando al protocollo di trasporto QUIC: esso è stato creato per usare, anziché lo standard TCP, lo standard UCP, appunto, poiché offre prestazioni di rete superiori offrendo un notevole risparmio di centinaia di millisecondi per uno scambio di dati.
 
L’http/3 è quindi il nuovo protocollo veloce che verrà supportato da browser come Chrome e Firefox (anche Opera sembrerebbe supportarlo).
Il protocollo http/3 ha una versione di supporto offerta già agli utenti di Chrome Canary, browser web di Google che presenta sempre gli ultimi aggiornamenti della casa madre, ma rimane spesso instabile e con scarsa sicurezza.

Proprio a Google viene attribuita la paternità del nuovo protocollo http/3, creato appositamente dagli ingegneri per offrire una più sicura e veloce navigazione. Anche l’interazione con le pagine web aumenterà, non solo i tempi di raggiungimento dei siti, ma anche lo scambio dei dati e le prestazioni delle web applications.


2019-10-04
 
Condividi
  CEFI ® è un Marchio Registrato , Riconosciuto come IQcenter dalla Microsoft e dalla Certiport
certificazioni