Notizie dal WEB    
HomeChi SiamoI CorsiI Nostri ClientiCertificazioni InformaticheSERVIZI
Condividi
Joboot
I Servizi
 Corsi d'Informatica
 Corsi di Inglese
 Affitto Aule
 Creazione Siti
 Ideazione CD Rom
 Help Desk
 Installazione Reti
 Manutenzione
 Software Support
 Backup Aziendali

 

 


Le donne e l'Informatica


Le 3 esperte informatiche che hanno fatto la storia della tecnologia e della programmazione

 
L’otto marzo 2020 si avvicina e quest’anno vogliamo celebrare le figure femminili che si sono distinte nel mondo dell’informatica: dalla matematica alla robotica, dalla crittografia fino all’invenzione di linguaggi di programmaizone, le donne si sono sempre distinte nel mondo della tecnologia per un particolare spirito d’osservazione e intraprendenza.
 
 
Ada Lovelace Byron (1815 – 1852)
 
Considerata la madre del computer, si è distinta per particolari doti nella matematica, nella scienza e nel pensiero logico computazionale. Figlia dell’omonimo poeta, non ne ha ereditato lo spirito artistico quanto piuttosto quello logicomatematico più simile alla formazione della madre Anne Isabelle Milbanke, matematica.
 
 
Il lavoro di Ada fu fondamentale per definire lo sviluppo della macchina analitica messa in piedi da Charles Babbage nel 1837 (si tratterebbe, detto banalmente, di un primo prototipo di computer), poiché proprio lei ideò per la prima volta un algoritmo che permettesse a questa macchina di elaborare i calcoli in modo più funzionale.
 
Grazie a questo lavoro algoritmico sui numeri di Bernoulli, Ada Lovelace Byron fu definita e viene tutt’ora ricordata come la prima donna programmatrice al mondo.
 
Il suo operato viene ricordato oggi anche dal dipartimento della Difesa USA che le ha dedicato il linguaggio di programmazione ADA, intitolandolo dunque a suo nome.
 
 
 
Karen Spärck Jones (1935-2007)
 
Inglese, dello Yorkshire, studentessa di Storia e Filosofia, decise in età adulta di dedicarsi all’informatica e di svolgere battaglie affinché sempre più donne potessero appassionarsi e poi lavorare liberamente nel settore informatico.
 
 
Uno dei principali lavori per il quale viene ricordata fu la Funzione tf-idf (term frequency – inverse document frequency), uno di quei principi che ancora oggi è fondamentale nel funzionamento dei motori di ricerca come Google, Yahoo, Bing. Ecc.
 
Cos’è la Funzione tf-idf?
Si tratta di una funzione che permette di comprendere quale termine ha più importanza rispetto ad altri all’interno di un documento (o una raccolta). La rilevanza, e dunque il “peso” di un documento cresce in base a quante volte viene ripetuto nel documento.
 
 
 
Grace Murray Hopper (1906-1992)
 
Parliamo di uno dei più grandi nomi femminili nell’informatica: Grace Murray Hopper fu la prima ad aver teorizzato un linguaggio di programmazione indipendente dalla macchina e ad averlo anche realizzato. Fu così che iniziò a lavorare sul linguaggio di programmazione Cobol.
 
 
 
Che cos’è il Cobol?
(Common Business-Oriented Language, un linguaggio di programmazione gestionale orientato alle applicazioni commerciali).
 
Il suo nome viene associato anche al metodo di debugging e al lavoro sui primi programmi del computer Mark 1 che storicamente è stato uno dei primi calcolatori in assoluto.
Cosa vuol dire Debugging?
 
Il Debugging è un’operazione informatica che ha lo scopo di individuare e correggere gli errori (detti bug) rilevati nei codici di programmazione e nei software.
 
 
 
Grace fu anche Capitano di Marina Militare nonché un’attivista nel mondo dell’informatica spingendo fortemente verso un processo di standardizzazione.
 
 
 
 
 
 

2020-03-06
 
Condividi
  CEFI ® è un Marchio Registrato , Riconosciuto come IQcenter dalla Microsoft e dalla Certiport
certificazioni